Come è nata la costituzione italiana spiegata ai bambini

Come citare la Costituzione italiana

Articolo 2 [Diritti dell'uomo] La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali che ne esprimono la personalità, e garantisce l'adempimento del dovere inderogabile di solidarietà politica, economica e sociale.

Articolo 3 [Uguaglianza](1) Tutti i cittadini hanno pari status sociale e sono uguali davanti alla legge, senza riguardo al sesso, alla razza, alla lingua, alla religione, alle opinioni politiche e alle condizioni personali o sociali.

(2) È compito della Repubblica rimuovere tutti gli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando la libertà e l'uguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo individuale e la partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

Articolo 5 [Autonomia locale] La Repubblica, una e indivisibile, riconosce e promuove le autonomie locali; applica pienamente il decentramento amministrativo dei servizi dello Stato e adotta principi e metodi di legislazione rispondenti alle esigenze dell'autonomia e del decentramento.

Quando è stata creata la Costituzione italiana?

La Costituzione della Repubblica Italiana è stata promulgata dall'Assemblea Costituente il 22 dicembre 1947, con 453 voti a favore e 62 contrari.

Cosa viene spiegato nei primi tre articoli della Costituzione?

I primi tre articoli stabiliscono i tre rami del governo e i loro poteri: Legislativo (Congresso), Esecutivo (ufficio del Presidente) e Giudiziario (sistema giudiziario federale). Un sistema di pesi e contrappesi impedisce a uno di questi poteri separati di diventare dominante.

Come si spiega la Costituzione?

La Costituzione definisce la legge fondamentale del governo federale degli Stati Uniti, stabilendo i tre rami principali del governo federale e delineando le loro giurisdizioni. È diventata il documento giuridico di riferimento del mondo occidentale ed è la più antica costituzione nazionale scritta attualmente in vigore.

Emendamenti alla Costituzione italiana

La storia delle politiche familiari in Italia inizia alla fine del XIX secolo, anche se fino all'avvento del fascismo tali politiche consistevano principalmente in un insieme di norme e consuetudini disarticolate che discendevano dall'antico diritto romano. Il primo provvedimento assistenziale pubblico consolidato, che risale al periodo fascista (cioè agli anni Venti del Novecento), aveva lo scopo di sostenere le madri lavoratrici non autosufficienti, fornendo loro sussidi economici, sale per l'allattamento e servizi di assistenza all'infanzia; e vietando il lavoro durante l'ultimo mese di gravidanza e fino a un mese e mezzo dopo la nascita del bambino. Sono stati inoltre forniti aiuti economici alle famiglie numerose e a basso reddito attraverso trasferimenti in denaro e detrazioni fiscali (Brienza, 2001).

A partire dalla seconda metà degli anni '90, con la cosiddetta Seconda Repubblica, il governo italiano ha iniziato a decentralizzare, trasferendo così queste responsabilità alle regioni e ai comuni. Questo è stato l'inizio di una nuova fase di promozione e sostegno alla famiglia. Gli interventi locali hanno incluso la fornitura di servizi per l'infanzia, l'istruzione pubblica, l'assistenza sociale e la protezione della maternità. A livello nazionale sono stati concessi anche sussidi occasionali in denaro per i nuovi nati e misure fiscali per le persone svantaggiate (disabili, genitori single, bambini e individui a basso reddito).

Costituzione italiana 2022

La Costituzione degli Stati Uniti contiene un preambolo e sette articoli che descrivono la struttura e il funzionamento del governo. I primi tre articoli stabiliscono i tre rami del governo e i loro poteri: Legislativo (Congresso), Esecutivo (ufficio del Presidente) e Giudiziario (sistema giudiziario federale). Un sistema di pesi e contrappesi impedisce a uno qualsiasi di questi poteri separati di diventare dominante. Gli articoli dal quarto al settimo descrivono il rapporto degli Stati con il Governo federale, stabiliscono che la Costituzione è la legge suprema del Paese e definiscono le procedure di emendamento e ratifica.

  Le monete inglesi spiegate ai bambini

L'articolo I assegna la responsabilità di legiferare al ramo legislativo (Congresso). Il Congresso è diviso in due parti, o "Camere", la Camera dei rappresentanti e il Senato. Il Congresso bicamerale fu un compromesso tra i grandi Stati, che volevano una rappresentanza basata sulla popolazione, e i piccoli Stati, che volevano una rappresentanza paritaria.

Quando è stata scritta la Costituzione italiana

Questo articolo necessita di ulteriori citazioni per la verifica. Si prega di contribuire a migliorare questo articolo aggiungendo citazioni a fonti attendibili. Il materiale privo di fonti può essere contestato e rimosso.Trova fonti:  "Costituzione dell'Italia" - notizie - giornali - libri - scholar - JSTOR (dicembre 2020) (Scopri come e quando rimuovere questo messaggio template)

La Costituzione della Repubblica Italiana è stata promulgata dall'Assemblea Costituente il 22 dicembre 1947, con 453 voti a favore e 62 contrari. Il testo, che da allora è stato modificato sedici volte,[citazione necessaria] fu promulgato in un'edizione straordinaria della Gazzetta Ufficiale il 27 dicembre 1947.[1] L'Assemblea Costituente fu eletta a suffragio universale il 2 giugno 1946, lo stesso giorno in cui si tenne il referendum sull'abolizione della monarchia, e fu formata dai rappresentanti di tutte le forze antifasciste che contribuirono alla sconfitta delle forze naziste e fasciste durante la guerra civile italiana. [La Costituzione fu redatta nel 1946 ed entrò in vigore il 1° gennaio 1948, un secolo dopo la promulgazione della Costituzione del Regno d'Italia, lo Statuto Albertino.[3]

  Agraria spiegata ai bambini

Go up