Come spiegare le espressioni ai bambini

Attività sulle espressioni facciali

Imparare a leggere le espressioni facciali è importante per le interazioni sociali.    Quando i bambini sono in grado di identificare i sentimenti di un amico, di un compagno di classe, di un fratello, di un genitore o di una persona della comunità, possono rispondere in modo appropriato. In questo articolo sono elencati alcuni modi per aiutare i bambini a esercitarsi nell'identificazione dei sentimenti in base alle espressioni facciali.

1. Giochi di ruolo - I giochi di ruolo sono un modo divertente per esercitarsi a identificare i sentimenti. Il gioco di ruolo può essere un'attività di gruppo o un gioco individuale. Scrivete un elenco di sentimenti o disponete di immagini o disegni di persone che mostrano sentimenti diversi. A turno, scegliete una carta e recitate il sentimento prestando particolare attenzione alle espressioni facciali. Fate domande come: "Come appaiono i vostri occhi quando siete arrabbiati?". "Che cosa c'è di diverso dall'aspetto dei tuoi occhi quando sei sorpreso?". Discutete di ogni sentimento ponendo domande come: "Quando ti sei sentito arrabbiato?". "Cosa fai se un amico è arrabbiato?". "Come ti calmi quando sei arrabbiato?".

2. Usate lo specchio - Fate un gioco di identificazione dei sentimenti facendo esercitare i bambini con le espressioni facciali allo specchio. Nominate un'espressione facciale e chiedete al bambino di guardarsi allo specchio e di fare l'espressione. Fate notare come gli occhi, le sopracciglia, il naso e la bocca cambino forma mentre si esercitano in diverse espressioni facciali.    Cambiate ruolo e lasciate che siano loro a scegliere le emozioni mentre voi fate le espressioni.    Mentre fate le espressioni facciali, cambiate i diversi tratti del viso e ponete domande come: "Se sto facendo una faccia sorpresa, i miei occhi devono essere grandi e rotondi o devo strizzare gli occhi?".

Come si insegna ai bambini a esprimere le emozioni?

Siate un modello di comportamento - I bambini imparano a conoscere i sentimenti e a esprimerli in modo appropriato osservando gli altri. Mostrate a vostro figlio come vi sentite in situazioni diverse e come affrontate questi sentimenti. Incoraggiate con le lodi - Lodate vostro figlio quando parla dei suoi sentimenti o li esprime in modo appropriato.

  I greci spiegati ai bambini

Come si spiegano le emozioni a un bambino?

Un ottimo modo per aiutare i bambini a conoscere i sentimenti è discutere di come si sentono i personaggi dei libri o dei programmi televisivi. Fate una pausa per chiedere: "Come pensi che si senta in questo momento?". Poi, discutete dei vari sentimenti che il personaggio può provare e dei motivi per cui li prova. Parlare dei sentimenti degli altri insegna anche l'empatia.

Espressioni facciali per bambini

Fotografie tratte dal libro Mécanisme de la Physionomie Humaine di Guillaume Duchenne del 1862. Attraverso la stimolazione elettrica, Duchenne determinò quali muscoli fossero responsabili delle diverse espressioni facciali. Charles Darwin avrebbe in seguito ripubblicato alcune di queste fotografie nella sua opera sull'argomento, che confrontava le espressioni facciali degli esseri umani con quelle degli animali.

Un'espressione facciale risulta da uno o più movimenti o posizioni dei muscoli del viso. Questi movimenti mostrano agli osservatori lo stato emotivo della persona. Le espressioni facciali sono una forma di comunicazione non verbale. Sono un mezzo primario per trasmettere informazioni sociali tra gli esseri umani, ma sono presenti anche nella maggior parte degli altri mammiferi e in alcune altre specie animali.

Gli esseri umani possono adottare un'espressione facciale come azione volontaria. Tuttavia, poiché le espressioni sono strettamente legate alle emozioni, sono più spesso involontarie. Può essere quasi impossibile evitare di esprimere certe emozioni, anche quando sarebbe fortemente auspicabile farlo; una persona che sta cercando di evitare un insulto a un individuo che trova molto poco attraente potrebbe comunque mostrare una breve espressione di disgusto prima di riuscire a riassumere un'espressione neutra. Lo stretto legame tra emozione ed espressione può funzionare anche in senso inverso; è stato osservato che assumere volontariamente un'espressione può effettivamente provocare l'emozione associata.

  La mappa spiegata ai bambini

Foglio di lavoro sull'identificazione delle espressioni facciali

Il presente studio ha valutato il riconoscimento delle espressioni facciali in diverse età, utilizzando gruppi composti da: 1) 21 bambini con un'età media di 7,7 anni; 2) 19 giovani adulti con un'età media di 20,1 anni; 3) 9 anziani con un'età media di 74,7 anni. Nei test è stato chiesto ai partecipanti di identificare espressioni facciali di felicità, tristezza, paura e rabbia di diversa intensità emotiva. I risultati hanno indicato che i giovani adulti hanno ottenuto risultati migliori nel riconoscimento delle espressioni facciali rispetto ai bambini e agli anziani. I bambini hanno presentato prestazioni simili a quelle degli anziani, sostenendo l'ipotesi che la capacità di riconoscere le espressioni facciali migliora in età adulta e diminuisce in età avanzata.

Il presente studio ha valutato il riconoscimento delle espressioni facciali in diverse età, utilizzando gruppi composti da: 1) 21 bambini con un'età media di 7,7 anni; 2) 19 giovani adulti con un'età media di 20,1 anni; 3) 9 anziani con un'età media di 74,7 anni. Nei test è stato chiesto ai partecipanti di identificare espressioni facciali di felicità, tristezza, paura e rabbia di diversa intensità emotiva. I risultati hanno indicato che i giovani adulti hanno ottenuto risultati migliori nel riconoscimento delle espressioni facciali rispetto ai bambini e agli anziani. I bambini hanno presentato prestazioni simili a quelle degli anziani, sostenendo l'ipotesi che la capacità di riconoscere le espressioni facciali migliora in età adulta e diminuisce in età avanzata.

Espressioni facciali nella prima infanzia

Gli articoli di Verywell Family sono revisionati da medici certificati e da professionisti della sanità familiare. I revisori medici confermano che il contenuto è completo e accurato e riflette le ultime ricerche basate sull'evidenza. I contenuti vengono rivisti prima della pubblicazione e in occasione di aggiornamenti sostanziali. Per saperne di più.

È difficile insegnare ai bambini i sentimenti perché si tratta di un concetto piuttosto astratto. È difficile descrivere come ci si sente quando si è tristi, spaventati o eccitati. È importante iniziare a insegnare ai bambini le loro emozioni il più presto possibile, poiché i loro sentimenti influenzano ogni scelta che fanno.

  I re di israele spiegati ai bambini

I bambini che capiscono le proprie emozioni hanno meno probabilità di reagire con scatti d'ira, aggressioni e comportamenti di sfida per esprimersi. Un bambino che sa dire "Sono arrabbiato con te" ha meno probabilità di picchiare. E un bambino che sa dire: "Questo mi fa male", è meglio equipaggiato per risolvere i conflitti in modo pacifico.

Insegnare al bambino le proprie emozioni lo aiuterà a diventare mentalmente forte. I bambini che capiscono le loro emozioni e hanno le capacità di gestirle saranno sicuri di poter affrontare qualsiasi cosa la vita gli riservi.

Go up