La crocifissione spiegata ai bambini

Lezioni dalla crocifissione

Ne ho già parlato con voi in passato. L'altro giorno, io e mio figlio di 3 anni stavamo parlando della Pasqua e di come Gesù sia morto sulla croce. Mi ha chiesto: "Perché Gesù è morto?". Anche se non ci credo, ho risposto: "È morto per i nostri peccati". Lui ha risposto: "Non è giusto", e ho pensato che fosse carino.

In passato ho detto solo che "Gesù è morto per noi". Penso che questo lasci la questione aperta in modo che gli altri possano sviluppare le proprie convinzioni. Ho letto il tuo post sulla teoria dell'espiazione e su quella del riscatto, e non credo nemmeno a queste teorie.

Non ho capito bene la teoria del Christus Victor. Ma cosa rispondo quando mio figlio mi chiede "perché Gesù è morto sulla croce?". Voglio che conosca l'amore di Dio e l'esempio di questo amore attraverso Gesù, ma non voglio fargli pesare la mia mancanza di fede/comprensione della morte di Cristo e portarlo fuori strada.

Penso che le tue preoccupazioni riguardo alla spiegazione della morte di Gesù sulla croce al tuo bambino siano molto importanti; l'idea stessa di Gesù che muore su una croce può essere traumatica per un bambino di tre anni. In realtà, penso che sia incredibile che un bambino di tre anni faccia una domanda del genere; e la sua risposta, "non è giusto", è notevole! Forse non sono in sintonia con i livelli di sviluppo dei bambini, ma l'intera discussione mi sembra piuttosto avanzata.

Come spiegare la resurrezione a un bambino

Può essere opprimente avere la sensazione di dover introdurre tanti fatti, concetti e personaggi tutti in una volta, soprattutto se i vostri figli sono forse più preoccupati di quanto siano vicini a mangiare di nuovo i dolcetti che dei dettagli della passione di Gesù.

  La parabola della zizzania spiegata ai bambini

Ci sono differenze nelle parti della storia incluse in ciascun racconto evangelico (per sapere quali sono, vedere qui). Qualsiasi cosa scegliate sarebbe perfetta, dato che si tratta di tutta la Bibbia. Ma a me piace leggere dalla nostra Bibbia dei bambini, che raccoglie tutti gli eventi di ogni vangelo in un unico racconto. È anche illustrata, il che, secondo me, aiuta molto a mantenere l'attenzione dei bambini e a facilitare la loro comprensione della lettura.

Anche se il mio bambino di due anni non è pronto a capire tutto ciò che accade nella storia, e di certo non è pronto a comprendere gli orrori della sofferenza di Gesù, penso che sia pronto a sentirne parlare.

Alcuni bambini ascolteranno e poi vorranno andare avanti. Va bene così. Soprattutto per i più piccoli, il mio obiettivo è che ascoltino. Ascoltarlo nella sua interezza pianterà i semi per una riflessione e una comprensione più profonde in seguito. I miei bambini non sono mai stati turbati dall'ascolto della storia.

Insegnare ai bambini in età prescolare la crocifissione

La crocifissione è un metodo di esecuzione capitale in cui la vittima viene legata o inchiodata a una grande croce o trave di legno e lasciata appesa fino alla morte per sfinimento e asfissia.[1][2][3][4] Era usata come punizione, tra gli altri, da Persiani, Cartaginesi e Romani. La crocifissione è stata utilizzata in alcune parti del mondo fino al XX secolo.[5]

  Altoforno spiegato ai bambini

Il greco antico ha due verbi per crocifiggere: anastauroo (ἀνασταυρόω), da stauros (che in greco odierno significa solo "croce", ma che nell'antichità era usato per qualsiasi tipo di palo di legno, appuntito o smussato, nudo o con attacchi) e apotumpanizo (ἀποτυμπανίζω) "crocifiggere su una tavola",[6] insieme ad anaskolopizo (ἀνασκολοπίζω "impalare"). Nei testi greci preromani anastauro significa solitamente "impalare".[7][8][9]

Il greco usato nel Nuovo Testamento cristiano utilizza quattro verbi, tre dei quali basati su stauros (σταυρός), solitamente tradotto "croce". Il termine più comune è stauroo (σταυρόω), "crocifiggere", che ricorre 46 volte; sustauroo (συσταυρόω), "crocifiggere con" o "accanto" ricorre cinque volte, mentre anastauroo (↪Ll_1F00νασταυρόω), "crocifiggere di nuovo" ricorre solo una volta nella Lettera agli Ebrei 6,6. Prospegnumi (προσπήγνυμι), "fissare o fissare a, impalare, crocifiggere" ricorre solo una volta in Atti degli Apostoli 2,23.

Riassunto della morte e della resurrezione di Gesù

Circa 10 minutiI capi dei sacerdoti e i maestri della legge ritenevano che Gesù fosse un criminale e che dovesse essere punito. Così, il venerdì mattina presto lo portarono da Pilato, che a quel tempo era il governatore. Pilato uscì dal suo palazzo e chiese al popolo: "Che cosa ha fatto di male quest'uomo?".

Più tardi, quella mattina, Pilato riunì di nuovo tutto il popolo e disse: "Ho studiato bene la situazione. Trovo ancora che Gesù non abbia fatto nulla di male. Tuttavia, lo punirò per voi e poi lo lascerò andare".

Infine, Pilato portò Gesù nel palazzo. Non voleva che Gesù fosse messo a morte. Non credeva che Gesù avesse fatto qualcosa di male. Tuttavia, non voleva nemmeno peggiorare le cose mettendosi in disaccordo con così tante persone. Poteva ancora sentire la gente che gridava: "Crocifiggilo!". Pilato fece battere Gesù dai suoi soldati con le fruste. Gli fecero una corona di spine e gliela misero in testa. I soldati gridavano ripetutamente: "Salve re dei Giudei!", mentre colpivano Gesù in faccia.

  Convenzione diritti infanzia spiegata ai bambini

Poi, i soldati condussero Gesù in un luogo chiamato Golgota. Una grande folla lo seguiva, molti piangevano per Gesù. I soldati gli fecero portare una pesante croce di legno. Gesù si stancò e si indebolì. La croce era così pesante che cadde a terra. I soldati presero un uomo di nome Simone e gli fecero portare la croce per una parte del cammino.

Go up