Referendum spiegato ai bambini

Gli 8 migliori annunci del referendum sull'indipendenza scozzese

A giugno, il Parlamento ungherese ha adottato una nuova legge, la cosiddetta "Legge sulla protezione dell'infanzia", che ha provocato un'importante controversia internazionale e una procedura di infrazione avviata dalla Commissione europea per le misure adottate nei confronti della comunità LGBTQ+. Nel tentativo di rafforzare queste disposizioni sulla scena europea, Viktor Orbán ha recentemente annunciato un referendum sulla normativa. Si tratta di proteggere i bambini o di uno strumento per Viktor Orbán nelle sue battaglie politiche interne ed europee? Analisi.

Questo è stato l'antefatto dell'annuncio da parte del Primo Ministro ungherese Viktor Orbán del "referendum sulla protezione dei bambini", in cui, secondo Viktor Orbán, "è in gioco il futuro dei nostri bambini", poiché il dibattito internazionale in corso sulla cosiddetta "legge sulla protezione dei bambini" esercita "una tale pressione internazionale" sul Paese che "solo la volontà unificata del popolo" può proteggerlo.

La legge in questione è stata adottata il 15 giugno. La sua prima bozza mirava principalmente a introdurre sanzioni penali più severe per la pedofilia; tuttavia, un emendamento dell'ultimo minuto ha aggiunto le sezioni che limitano i temi LGBTQ+ nei media e l'educazione sessuale. Secondo i suoi detrattori, la legge confonde le minoranze sessuali con i pedofili e limita inutilmente la libertà di espressione, forse cancellando le tematiche LGBTQ+ dal discorso pubblico.

Che cos'è l'articolo 40 della Costituzione irlandese?

Uguaglianza davanti alla legge

Tutti i cittadini devono essere considerati uguali davanti alla legge (articolo 40.1 della Costituzione). Ciò significa che lo Stato non può discriminare ingiustamente, irragionevolmente o arbitrariamente i cittadini.

Che cos'è il 31° emendamento?

L'uguaglianza dei diritti secondo la legge non può essere negata o limitata dagli Stati Uniti o da qualsiasi Stato a causa del sesso.

  Luna e maree spiegate ai bambini

Referendum del 1967 - Dietro le notizie

Il Born Alive Infant Protection Act (Legge per la protezione dei neonati nati vivi) prevede che gli operatori sanitari forniscano cure salvavita ai neonati nati in qualsiasi fase dello sviluppo: nati in seguito a "travaglio naturale o indotto, taglio cesareo, aborto indotto o altro metodo", si legge nella legge.

Attualmente la legge del Montana protegge dall'infanticidio. La legge prevede sanzioni per le persone che "intenzionalmente, consapevolmente o per negligenza causano la morte di un neonato prematuro nato vivo, se il neonato è vitale".

Nel 2002 una legge federale ha concesso ai neonati nati vivi gli stessi diritti delle persone, ma non ha imposto cure o previsto sanzioni. 18 Stati hanno approvato leggi simili a quella in votazione nel Montana, che impongono ai medici di fornire assistenza o di incorrere in sanzioni penali.

Il Rep. Matt Regier, repubblicano di Kalispell, ha presentato la proposta di legge del Montana sui nati vivi, che è stata approvata a maggioranza durante la sessione legislativa del 2021. I legislatori hanno poi votato per metterla in votazione a novembre come referendum statale.

"È una semplice proposta di legge per proteggere i bambini che nascono vivi per qualsiasi motivo, non solo per un aborto sbagliato, ma per qualsiasi bambino che nasce vivo", ha detto. "Meritano gli stessi servizi medici che vengono offerti a me e a voi, ciò che è appropriato e ragionevole dal punto di vista medico?".

Che cos'è l'INDIPENDENZA SCOTTISTA e perché è un tema importante?

Dato che tutti i partiti politici principali sostengono il Sì, si è criticata la mancanza di dibattito che la proposta di emendamento costituzionale ha creato e si teme che l'affluenza alle urne sarà bassa tra un pubblico apatico.

  La struttura della bibbia spiegata ai bambini

Ma questo non ha fermato la tradizione dei partiti e dei gruppi di difesa che erigono manifesti per esortare i cittadini a votare in un determinato modo. In questo caso abbiamo avuto solo manifesti che sostenevano il "Sì", dato che la campagna per il "No" non è riuscita a erigere alcun cartello simile.

Siamo stati fin troppo felici di accontentarvi e i nostri due esperti - il dottor Eoin O'Malley, docente di Diritto e Governo alla DCU, e il grafico Ronan McDonnell di A Worthy Cause - sono stati felici di aiutarci ancora una volta.

O'Malley ritiene che le risorse sufficienti del fronte del Sì gli abbiano permesso di dominare il dibattito al punto che non c'è più molto dibattito: "Sono in grado di inquadrare il referendum come un referendum per i diritti dei bambini, il che suggerisce alla gente che se il Sì è per i bambini, il No deve essere per qualcosa di molto brutto. Questa frase, usata dalla Children's Rights Alliance, credo sia la più efficace. È semplice e suggestiva.

Brexit per bambini

Molti pensano che il referendum abbia dato il diritto di voto alle popolazioni aborigene e delle isole dello Stretto di Torres, ma non è così. Gli aborigeni potevano votare a livello statale prima della Federazione nel 1901; il Queensland e l'Australia Occidentale erano gli unici Stati che impedivano espressamente alle popolazioni aborigene e delle isole dello Stretto di Torres di votare.

Solo nel 1962, quando la legge elettorale fu emendata, gli aborigeni e gli abitanti delle isole dello Stretto di Torres ottennero il diritto di registrarsi e votare, ma il voto non era obbligatorio. Il pieno diritto di voto è stato concesso a livello federale solo nel 1984, quando gli aborigeni e gli abitanti delle isole dello Stretto di Torres sono stati obbligati a registrarsi nelle liste elettorali.

  Borsellino e falcone spiegato ai bambini

La Costituzione australiana è entrata in vigore il 1° gennaio 1901, istituendo il Commonwealth d'Australia. È un documento vivo - che continua a plasmare l'Australia - ed è notoriamente difficile da modificare.    Dal 1901, 19 referendum hanno proposto 44 modifiche alla Costituzione; solo otto modifiche sono state approvate.

Go up