Come spiegare il fair play nello sport ai bambini disegni

Esempi di fair play

La competizione leale, il rispetto, l'amicizia, lo spirito di squadra, l'uguaglianza, lo sport senza doping, il rispetto delle regole scritte e non scritte come l'integrità, la solidarietà, la tolleranza, l'attenzione, l'eccellenza e la gioia, sono gli elementi costitutivi del fair play che possono essere sperimentati e appresi sia in campo che fuori.

Pierre de Coubertin, il padre dei moderni Giochi Olimpici, disse: "L'importante nella vita non è il trionfo, ma la lotta. L'essenziale non è aver vinto, ma aver combattuto bene". La competizione può essere intensa, ma bisogna sempre cercare la gioia quando si pratica uno sport. Non bisogna mai dimenticare il gioco, anche nella foga della lotta.

Senza correttezza e affidabilità, l'ordine della nostra società è a rischio. Se non rispettiamo le regole, roviniamo lo spirito del gioco ed è impossibile giocare con i distruttori del gioco.

Il fair play, che è una parte essenziale e centrale del successo del coinvolgimento, della promozione e dello sviluppo sia nello sport che nella vita, può insegnare alle persone la tolleranza e il rispetto per gli altri. Permette loro di integrarsi nella società e di creare un senso di lavoro di squadra. Il fair play nello sport è in grado di dare speranza, orgoglio e identità, ed è in grado di unire laddove nazionalità, politica, religione e cultura spesso dividono.

Cosa significa fair play nello sport?

Il fair play è una virtù di rispetto delle regole in base alla quale i giocatori e gli atleti si attengono alle regole della competizione. È anche un impegno a gareggiare con spirito positivo e incoraggia un buon atteggiamento nei confronti dello sport che comprende rispetto, modestia, generosità e amicizia.

Come si dimostra il fair play nello sport?

Pertanto, il rispetto, la lealtà, la tolleranza e il corpo sano sono i segni del fair play nello sport. La reciprocità gioca un ruolo essenziale nella competizione: non si può fare a meno dell'avversario e lo sport richiede un atteggiamento rispettoso nei confronti dell'altro; il rispetto deve andare al perdente come al vincitore.

Cos'è il fair play nello sport

Chiudi*Hai selezionato una carta "Daily Grind"! In un giorno qualsiasi ci sono 30 di questi lavori che fanno perdere tempo e che devono essere svolti regolarmente, in modo ripetitivo e in molti casi a un orario ben preciso.Odontoiatria (bambini)DefinizioneIl lavoro di tuo figlio: Scegliere il colore dell'elastico per il suo apparecchio. Il vostro lavoro: Ritagliare una marea di tempo per gli appuntamenti con l'ortodontista e pagare tutto. Anche le visite odontoiatriche regolari vi terranno occupati, perché ogni bambino ha bisogno di pulizie e controlli regolari (sono già passati sei mesi?) e di appuntamenti più impegnativi per l'otturazione delle carie. Alla fine di ogni visita riceverete uno spazzolino in omaggio, almeno quello. ConcezioneDENTISTA (BAMBINI)Pianificazione- Ricerca e selezione del dentista- Programmazione di pulizie dentali semestrali- Informazione al titolare della carta "routine della buonanotte" sull'igiene dentale quotidiana appropriata- Controllo dello spazzolino e del dentifricio per sapere quando sostituirli e informazione al titolare della carta "articoli e forniture per la casa"- Visite ortodontiche, se del casoEsecuzione- Partecipazione agli appuntamenti con il dentista- Seguito degli specialisti come l'ortodontista- Cura ortodontica a casa (acquisto e applicazione di elastici, cuffie ecc.). )Standard minimo di curaI vostri figli vanno dal dentista con un protocollo di visite semestrali e seguite i consigli del dentista? Caregiving

Esempi di giochi di fair play

Fare sport è molto più che giocare e vincere medaglie: è un modo per imparare la buona condotta sportiva e capire il valore del lavoro di squadra. Queste caratteristiche possono essere utilizzate dentro e fuori dal campo di gioco e sono utili anche nella vita di tutti i giorni.

  Diritti dei bambini spiegati ai bambini

I bambini hanno una mente aperta e lo sport è un buon modo per persuadere i bambini a usare un comportamento buono e razionale piuttosto che un comportamento polemico - va bene perdere. Lo sport da solo non è in grado di insegnare ai bambini il fair play, tuttavia è necessario stabilire delle linee guida e delle regole.

Ogni club o squadra dovrebbe avere delle regole sul fair play o un "codice di fair play" per rendere il gioco più di un gioco, ma un'opportunità di lottare con gli avversari per giocare in modo equo, mentre a chi bara non è permesso di giocare nel resto della partita. Un'attività costruttiva per i bambini che praticano sport potrebbe essere quella di scrivere le proprie regole e distinguere da soli ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, piuttosto che farsi dire cosa lo è. In questo modo, applicheranno inconsciamente le loro regole di fair play a se stessi durante lo sport e nella vita di tutti i giorni.

Importanza del fair play nello sport

La selezione, la scelta di alcuni individui rispetto ad altri, è una pratica evidente nello sport d'élite. Fa parte del gioco che gli atleti adulti vengano deselezionati, lasciati fuori, filtrati o tagliati da una squadra. Tutte le squadre nazionali, ad esempio, sono composte da atleti accuratamente scelti e considerati i migliori, e tutti concordano sul fatto che i dirigenti delle squadre debbano scegliere alcuni piuttosto che altri. Quando si discutono le pratiche di selezione, cosa che accade, si discute se siano davvero gli atleti migliori a far parte della squadra, non se si debbano fare delle selezioni. Una pratica di selezione molto più problematica è quella dei bambini nello sport.

Lo sport di club svedese per bambini e ragazzi si basa su una politica di sport per tutti. Di conseguenza, lo sport dovrebbe essere accessibile a tutti. Lo sport per bambini, cioè per chi ha meno di 13 anni, deve essere ludico e le competizioni devono essere condotte alle condizioni dei bambini e non si deve prestare attenzione al risultato. Tuttavia, la selezione non avviene solo nello sport d'élite. Anche i bambini di otto e nove anni sono sottoposti a processi di selezione, il che significa che l'allenatore sceglie gli individui che sono considerati migliori per il momento, o che hanno migliori prospettive di altri, in un gruppo esistente. Questi bambini vengono inseriti in un gruppo specifico o in una squadra speciale che dispone di maggiori risorse, come un tempo prolungato per gli allenamenti e le gare o allenatori appositamente formati e addestrati.

  La gioconda spiegata ai bambini

Go up