Come spiegare cristo re dell universo ai bambini

Gioco Gesù è re

Il Vangelo di oggi spiegato:  Il Vangelo di oggi presenta Cristo Re che regna non da un trono, ma dal patibolo della croce. Come il "servo sofferente" di Isaia (53,3), Egli è disprezzato e rifiutato, mentre gli astanti ridicolizzano il Re crocifisso, sfidandolo a dimostrare la sua regalità scendendo dalla croce.    Il Vangelo racconta anche del criminale crocifisso accanto a Gesù, che lo riconobbe come Re Salvatore e chiese a Gesù di ricordarsi di lui quando sarebbe entrato nel suo regno. Gesù promise al buon ladrone che quel giorno sarebbe stato con Lui in Paradiso. La tradizione ricorda il criminale alla destra di Gesù come "il buon ladrone" che si pentì dei suoi peccati all'ultimo momento, anche se Marco e Matteo lo chiamano "rivoluzionario". Sebbene l'iscrizione sulla croce, "Questo è il re dei Giudei", fosse intesa dai Romani come ironica, essa rifletteva le speculazioni popolari ebraiche sulla possibile identità di Gesù come Messia di Israele. Per Luca e altri primi cristiani quel titolo era corretto, poiché la regalità di Gesù si era manifestata nel modo più perfetto nella sua sofferenza e morte sulla croce, seguita dalla sua risurrezione il terzo giorno, come aveva predetto.

Artigianato di Cristo Re

Sunday Connection Printer FriendlyDio ci parla in molti modi, anche attraverso le letture domenicali delle Scritture. La Connessione domenicale fornisce informazioni e attività utili per comprendere meglio le letture delle Scritture della prossima domenica, aiutandovi a collegare le Scritture alla vita quotidiana in modo significativo.Solennità di Nostro Signore Gesù Cristo, Re dell'Universo (Trentaquattresima Domenica del Tempo Ordinario), Ciclo CSDomenica 20 novembre 2022Letture di questa domenica

Oggi, come Chiesa, concludiamo il nostro anno liturgico e celebriamo la festa di Cristo Re. Il Vangelo che proclamiamo mostra il grande mistero della nostra fede: Nel momento della sua crocifissione, Gesù si mostra come Re e Salvatore di tutti.

  Il sacramento della confessione spiegato ai bambini

Il Vangelo di Luca è stato pieno di sorprese: i poveri sono ricchi, i peccatori trovano la salvezza, il Regno di Dio si trova in mezzo a noi. Qui vediamo la sorpresa più grande di tutte. Ci troviamo di fronte a Gesù crocifisso, che la fede ci dice essere il Re e il Salvatore di tutti. L'ironia è che l'iscrizione posta sulla croce, forse per scherno, contiene la verità più profonda. Mentre i capi deridono, il ladro crocifisso al suo fianco riconosce Gesù come Messia e Re e trova la salvezza.

Catechismo di Cristo Re

La solennità di Cristo Re è l'ultima domenica del calendario liturgico, l'ultima domenica del Tempo Ordinario.    La domenica successiva inizia il periodo di Avvento.    Nella Chiesa cattolica è una solennità e un giorno sacro dell'obbligo e i sacerdoti vestono di bianco.

Lo scopo di questa festa è quello di avvicinare le nostre menti e i nostri cuori al riconoscimento dell'autorità e della sovranità di Cristo in una società che spesso dimentica o nega il suo potere e la sua regalità.    Il regno di Cristo non si riferisce a un potere terreno, ma divino.    Nella Bibbia ci sono molti riferimenti a Cristo come Re.    Nell'Apocalisse (19:16) Gesù viene definito "Re dei re e Signore dei signori".

[Pilato] disse a [Gesù]: "Sei tu il re dei Giudei?".    ... Gesù rispose: "Il mio regno non è di questo mondo". ... Allora Pilato gli disse: "Allora sei un re?".    Gesù rispose: "Tu dici che sono un re.    Per questo sono nato e per questo sono venuto nel mondo, per testimoniare la verità".

  Come spiegare i problemi con le frazioni ai bambini

La solennità di Cristo Re è una festa recente nella Chiesa cattolica, perché fu istituita nel 1925 da Papa Pio XI dopo la Prima Guerra Mondiale. Il comunismo, l'ateismo e il secolarismo erano in aumento e il Papa desiderava sottolineare l'autorità e la sovranità di Cristo.    La solennità fu celebrata ufficialmente solo il 31 ottobre 1926.    La data originaria della festa doveva essere Halloween, proprio prima della festa di Ognissanti.    Sembrava giusto celebrare il Re trionfante proprio prima della festa di Ognissanti.    Nel 1969, Papa Paolo VI diede alla festa un titolo ufficiale chiamandola Solennità di Nostro Signore Gesù Cristo Re dell'Universo e spostandola all'ultima domenica dell'anno liturgico, che spesso cade in novembre.

Ricerca di parole su Cristo Re

La scena del giudizio in Matteo 25:31-46 è una guida per capire cosa ci si aspetta dai discepoli di Gesù Re, che è al servizio dell'umanità.    È interessante notare che la narrazione del Giudizio Universale non parla di azioni sbagliate e delle relative punizioni.    Parla del fallimento dei discepoli nel fare il bene e delle sue conseguenze.    Ciò significa che evitare il peccato non rende il discepolo giusto con Dio. Il discepolato è qualcosa di più.    Essere un discepolo cristiano è una scelta positiva su come vivere e relazionarsi con gli altri.    Ciò significa che una buona vita cristiana non è incentrata su di me, ma sugli altri.

  Arcimboldo spiegato ai bambini

È la capacità di vedere Cristo negli altri che rende un buon discepolo.    Ciò che facciamo per aiutare gli altri, soprattutto i più vulnerabili, con il nostro amore e la nostra attenzione è la chiave del discepolato cristiano.    Sul modello di Gesù Re, un suddito del suo Regno si preoccuperà della dignità di tutti gli esseri umani.    Questo sfiderà i discepoli ad andare oltre la loro zona di comfort.    In una società benestante come l'Australia, non è una grande sfida preoccuparsi delle difficoltà dei poveri.    Ma ci sono altre persone vulnerabili, insospettabili, la cui vita e dignità dipendono forse da voi.

Go up